Qui non troverete una risposta definitiva a questa complicatissima domanda ma due parole posso spenderle.

I servizi creativi non possono essere valutati alla stregua dei prodotti tangibili che si vendono a quantità, a peso, a metro. E se questo fattò verrà trascurato, finirete sempre per incaricare la persona sbagliata di crearvi l’immagine aziendale.

Volete sapere come la penso io? Non vendo prosciutto sennò qui in testata ci sarebbe stato scritto “Salumeria Restivo”. Ogni progetto è un mondo a sè e fornire cifre che necessariamente lo incasellerebbero dentro a qualcosa di standard e a parer mio, lo svilirebbe. Però capisco che spesso il cliente si possa trovare in difficoltà a scegliere tra fasce di prezzo dai range ampissimi. Dal canto mio, cerco di inviare il prima possibile il prezzo del servizio, previa compilazione del questionario (link) da parte del cliente. E non è detto che dopo il questionario il rapporto eleonora-cliente continui. Talvolta ci si sceglie a pelle. Il rapporto di lavoro può anche non continuare e amici come prima.

Gente, è come in tutti i settori, non sono tenuto a capire tutto e mi devo fidare perchè se vivessi costantemente con la sensazione di essere circondato da squali affamati con denti affiliati come tagliole pronti a fregarmi, addio vita serena. Non farei un passo. Suvvia, un po’ di sano e umano senso misto a saggezza e furbizia. Oggi poi grazie a internet, ho spesso modo di valutare e scegliere un professionista avendo qualche info in più rispetto al passato.